martedì 24 febbraio 2009

Riassunto del weekend, considerando anche lunedi' come weekend

La rubrica di cinema di questo blog si chiama Il cinema visto da uno che gli piace Mickey Rourke. Bene, mai occasione fu più ghiotta. Nel weekend è successo che ho visto The Wrestler. Gran film. Non so quanto valga la mia opinione in quanto a me piace anche Harley Davidson e Marlboro Man, film che lo stesso M. ha detto esse una cagata e averlo fatto per il vil danaro. Il buon M. è uno sfasciato, un Bukowski vivo che invece di scegliere il sentiero stanza-bar-stanza ha anche fatto un po' di boxe, per gradire. Adesso si che avrebbe la faccia per interpretare Barfly. Ma non solo questo è successo durante il weekend. A Sanremo si è dimostrato com sempre che basta avere una canzone con le rime tronche e sei a posto. Peccato che le tronche sian cosi' poche! Che razza di lingua infame. E' morto Candido Cannavò, direttore emerito del giornale d'Italia. Mi mancheranno i suoi editoriali, l'unica cosa leggibile della Gazza. Ora dovrò accontentarmi dei tabellini. Anche i fan del PD si dovranno accontentare dei tabellini. L'insignificante Franceschini succede all'inutile Veltroni. Considerando che l'unica alternativa è l'infigato D'Alema, signori, abbiamo già mezzo metro di Borghezio nel retto. Grazie sinistra italiana. In compenso un giovane amico nonchè rocker (e questo per me vale doppio, ovviamente) si candida come sindaco della sua cittadina, senza pretese ma dicendo cose buone e giuste e facendo piccole proposte concrete, uscendo finalmente dal dualismo dx/sx che tanto piace ai politici e che (signori siamo nel 2009 o devo ancora nascere?) ha scassato la minchia. In bocca al lupo Stefano! L'Italia poi ha stretto accordi nucleari con la Francia. Quattro centrali entro il 2020. Io che sono fisico nucleare dovrei gioirne. Quando avrò 50anni avrò il posto assicurato, ose emigro in Basilicata. Poi anche ieri i Bastard son passati, per grazia ricevuta. E' uscito quello che era più pessimo, Andrea/Giops. XFactor è una palla infinita, al limite dell'insopportabile, ma mi piace partecipare a questa cosa collettiva, un po' come guardare una partita di calcio dell'Italia. Sai che la noia sarà padrona del campo e ti incazzerai pure ma la guardi per la gioia della condivisione. Ecco, Andrea sarà pure un cazzone montato, però c'ha regalato quello che probabilmente sarà l'unico momento di interpretazione cazzuta di questa edizione di XFactor, quello cui i Bastard sono andati vicini con Ragazzo di strada. Io sono un estimatore di Paolo Conte. Odio quelli che rovinano le sue canzoni, come i Marlene Kuntz con Alle prese con una verde milonga, ma questa è per me una delle migliori cover di Paolo. Grazie.

4 commenti:

bastian contreras ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
PPPP ha detto...

Marlene Kuntz alle prese con una verde milonga?
E dì, dove si trova, di grazia?

felix lalù ha detto...

in un ep che è uscito qualche anno fa con una cover di mina e, appunto, quella di conte.
ovviamente non te lo consiglio

stefano ha detto...

ciao felix..scusa se non ho risposto alla mail..non maleducazione bensì poco tempo...se va in un certo modo..vedi magari un assessorato..stai sicuro che faro di borgo una detroit city rock! Con un sacco di tue collaborazioni!