venerdì 9 novembre 2007

Li chiamano Roma ma non vengono da lí

Il ministro degli esteri rumeno, in risposta alle polemiche sui rom in italia, al Cairo dichiara che una soluzione potrebbe essere comprare un pezzo di deserto egiziano e metterci tutti quelli che non sono a nostra immagine e somiglianza. Ebbravo Adrian. Perchè non uniamo le forze, Italia e Romania, e ne compriamo un bel pezzo anche noi, in comproprietà. Ci spediamo tutti i rom, e ciao ciao criminalità. ma allora volendo ci spediamo anche i negri e gli albanesi. E già che ci siamo pure i tossici (ma non quelli abbienti) e i pederasti (ma non quelli con la tonaca, per carità), e magari i mafiosi e gli evasori fiscali (no, quelli no, è contro la legge). E perché non i vecchi che ci rubano le pensioni? A questo punto tanto vale prenderlo in Israele sto trancio di deserto in comproprietà, lì troveranno il modo di volergli bene, ai nostri esiliati, troverebbero dei compagnoni. Poi magari spediamoci le reclute della CIA a fare il tirocinio. Così avremmo risolto il problema dei rom. E il prossimo passo è la fame nel mondo e la verginità protratta.

1 commento:

Auberta ha detto...

Well written article.