lunedì 31 maggio 2010

Vi siete chiusi dentro (o anche Piccole Porticine Scorrevoli per Uomini, please!)


La porta è chiusa e le chiavi sono dentro. La casa è svuotata, pulita e stirata. Un non luogo, praticamente. Il grosso della mobilia l'ha portato via il pickup che sembrava un autobus marocchino di quelli che vanno da un Marocco all'altro.
Il resto occupa per intero il pianerottolo e le scale. C'è giusto un sentierino sbarrato dalla monnezza davanti all'ascensore da cui nessuno potrebbe uscire. Intorno al sentiero interi quartieri di scatoloni, una Rio de Janiero (di cui io sarei il Cristo (che peraltro ha la stessa posizione da crocifisso che da redentore e non l'ho mai capito)) fatta di robe varie quantificabili in due viaggi di monovolume a star comodi. Per far di tutta questa roba un viaggio mi ci vorrebbe un portapacchi, o un risciò da trasporto col cinese che arranca bestemmiandomi in mandarino.
Ma il punto è che la porta è chiusa e le chiavi sono dentro. Le chiavi sono dentro e anche il pc acceso e anche il portafogli con dentro soldi e patente. Alessandro è in Toscana, al mare. Giorgio è a Vienna con la morosa, la padrona di casa (che peraltro non ha le chiavi) sta in Maremma e quella che mi sostituisce è irlandese e non l'ho mai vista, ma è a Barcellona. Quindi tutti quelli che hanno le chiavi della mia ormai ex casa sono in tanta mona e non torneranno prima di domani notte.
Quando penso a quello che farebbe un uomo penso a Rambo, però Rambo è un film e allora non vale come uomo. Se devo pensare a una persona umana penso al Barnabi. Penso che lui si calerebbe dal sesto piano al quinto non dico a mani nude che è pericoloso, ma con una corda sì. Si calerebbe non tanto per fare il figo o per il frizzo alpino, ma perché è quello che farebbe un uomo.
Io per me ho caricato la una parte della roba e l'ho portata da Fabbio, son tornato su e ho svuotato l'altra metà del pianerottolo in macchina e sono ridisceso. Scampato il pericolo domani andrò a Trento in autobus e con le mutande di Fabbio.
Domani sera invece devo andare a suonare in Val di Non con la vacca nonesa e poi la corriera. O trovare qualcuno che mi dia un passaggio fino al Gatto Nero, obiettivamente il posto rock piu' fico del Trentino. Per l'occasione suono con le Piccole Porticine Scorrevoli Per Gatti.
Se c'è qualcuno che ha voglia di salire da Trento sul presto, godersi la festa e poi riscendere sopportando le mie stronzate è un santo.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

se chiami i pompieri te la aprono in 3 secondi! (esperienza pluriennale)
=)

Felix Lalù ha detto...

si, mi sono informato
sono i cento euro che gli devi dare che mi preoccupano
comunque grazie mille

Sandy ha detto...

nessun soldo vecio!
El Rabi

Anonimo ha detto...

se ti trovano l'abbinamento alcol + quant'altro in casa ti appellano con 'se non vi facciamo pagare la chiamata, non è che vi roviniamo la serata, vero?'
calcola che ti conviene avere con te una portatrice sana di zinne =D

Anonimo ha detto...

Grande Alberto!
Riesco quasi a vedermelo con la corda legata ai fianchi e una cicca in bocca.