lunedì 2 marzo 2009

Lavorare non aiuta

Prima di leggere questo post, assicuratevi di star mangiando qualcosa, magari vagamente fluido, magari yogurt alla nocciola.

Il mio compagno d'appartemento s'è preso l'influenza virus gastro intestinale la settimana scorsa.
La compagna d'appartamento ha passato due giorni a spruzzi e vomito.
La mia ragazza ha vomitato stanotte e ora sente un pugno nello stomaco.
Ora l'altro compare dice di non sentirsi bene e bestemmia nostro signore.
A me invece par di star bene.

Sono l'unico che non ha un lavoro stabile o un'occupazione continuativa.
Ciò mi ha imparato che lavorare riduce le difese immunitarie.
In altre parole il lavoro ammala.

4 commenti:

Chalda Pnuzig ha detto...

Beh, forse dipende dal lavoro.
Se un lavoro fa schifo è ovvio che una persona preferisca ammalarsi che lavorare, mentre se il lavoro piace non porterebbe alcun beneficio ammalarsi.
L'inconscio quindi potrebbe abbassare autonomamente le difese per avere un male minore.
Questo spiega anche perché ad ammalarsi solitamente sono i dipendenti e mai i dirigenti.
Quindi io direi:
"Un lavoro vomitevole ammala"

k.brunnen ha detto...

ma potrebbe anche essere che sei tu il portatore sano del virus, visto che tutti intorno a te si ammalano mentre tu resti sano...
ahahaha!!

Alligatore ha detto...

Molto punk, troppo punk! Il lavoro nuoce alla salute, è un dato di fatto.

Emma Pomodoro ha detto...

Questo disegno somiglia a uno mio, in cui vomitavo facebook :)
Comunque ho molto apprezzato l'uso teansitivo del verbo imparare :D