martedì 30 marzo 2010

Venite e approvvigionatevi

Ho una piccola monovolumecolor grigio sfregiato che ha ormai quasi una decina d'anni. E' comoda perché ci sta un sacco di roba. Venerdì notte di ritorno dal concerto dei BUE e dalle brioches in lungoFersina l'ho parcheggiata sotto casa. Poi sono uscito ieri mattina. Nel frattempo, due stagioni di Nip/Tuck, giornate scandite al ritmo di 72 minuti di rapimento mediatico e 54 di scimmia produttiva. Dicesi scimmia produttiva il tempo in cui si mangia, si evacua, si suona, si chiama l'ammore lontano. Ma non è di questo che.
La macchina è rimasta aperta da venerdì notte a ieri mattina, in balia di tutti i delinquenti tridentini. Essa conteneva, per la gioia dei pneumatici e in ordine decrescente di valore:
- 1 ampli per basso
- 1 ampli per basso (del Fonte)
- 1 basso a due corde dentro una custodia rigida
- 1 chitarra acustica dentro custodia rigida bianca
- 1 valigetta da pappone retrò contenente a sua volta: un multieffetto voce, 1 pedale BigMuff, 1 pedale TurboRat, 3 alimentatori, 4 cavi, accordatore
- 1 portaattrezzi da elettricista contenente: 1 pedale TubeScreamer, 1 pedale BluesBreaker, 1 pedale BossLoopStation, due microfoni, 2 alimentatori, 2 ciabatte 1 megafonino cinese, un woodblock, 2 kazù, 2 legnetti cubani, un bracciale andino di corna di capra, 1 maracas, 1 fischietto da samba, 4 cavi, pile varie un lettore cd degli anni 90 con dentro il cd pel concerto e un libro "Successsi per l'estate" edito da La Ostia - Pubblicazioni Artigianali del valore commerciale di € 49,00
- 2 aste
- 1 portachitarra
- 1 leggio merda
- 2 aste per casse
- 1 scatolone pieno di magliette La Ostia
- una bottiglia di liquore Marzadro all'anice, un dito nel culo che non ho ancora aperto
- mezza bottiglietta cocacola di grappa smarza avanzata dalla grappa all'arancia in preparazione
- due bottigliette d'acqua risalenti a chissà quando
- una borsa di rumenta risalente al concerto di Parma della settimana scorsa
- una tshirt dei Kelvin, una degli Squirties, una sciarpa grigioarancio, un berretto di lana grigiogiallo, 3 coperte
- le chiavi di casa mia a Casez, di casa di mia zia a Malè e forse pure quelle di Rabbi
- un cordialino di Liquore Strega (sì, quello del premio)
- una cassetta col cavetto di quelle che c'attacchi il lettore mp3
- la collezione delle cassettina che ascoltavo nel 2002: Creedence, Nirvana, Area, RATM, NWA, Cypress Hill, Breach, Dal tramonto all'alba OST, Il Corvo OST, Paolo Conte, La Cabra Mecanica, Enrico Rava, Miles (vabbè, il valore affettuoso dove lo mettiamo)
- un pupazzetto di Chef di South Park che m'ha regalato mia sorrata
- un plichetto di cartoline de LePecoreNere2007, uno di FagoFest
- 2 manifesti SuperMegaGangBand più volantini
- due cappello da vecchio da concerto
- una mitra da papa cinese
- una digitale smarza
- una pompetta da bici
- una specie di trombone di plastica
- un set di strumenti a fiato di plastica comprato l'anno scorso il cui prezzo era ancora scritto in lire (30.000)
- uno strumento che m'ha regalato Boris dei Supercani che è tipo una roba carnevalesca salentina (così dice Sara Giovinazzi)
- una tabella del Risiko, senza Risiko
- un sacco a pelo
- una borsina contenente indelebili, colori acrilici e pennelli
- le 3 nuove spille dei Supercani in anteprima sul mondo
- un bidone di diluente vuoto (fa parte delle batterie dei BUE)
- una pistola sparabolle
- una scatola con dentro tutti i cd della Piccola Orchestra nonchè tutte le spille dei BUE, una boccetta di propoli, una corona da BurgerKing e anche soldi
- una maschera da bue in lattice
Credo altro, mò non mi sovviene.
Ci sta tutta sta roba in una macchina? Sì, ce n'è stata anche di più, diligentemente ammucchiata.
Ora non è che voglio star li a fare i conti, ma solo di pedali e ampli e strumenti saranno minimo 2000 euro. Più di quanto possa ricomprare.
Comunque tutto questo nella macchina aperta. Per due giorni e mezzo. E nessuno ne ha approfittato. Considerando che al mondo per ogni furbo ci sono dieci babbi, probabilmente stavolta ero l'undicesimo della lista e non è arrivato a fare il giro. Lusso.
Cosa ho imparato da questa storia?
Uscire di casa è molto meglio delle serie televisive.
Il problema è che di solito, quando si smette con un vizio, se ne acquisiscono almeno altri due. Quindi, perchè rinunciare? Mò mene guardo un'altra, che hanno appena trovato il corpo morto putrido coi vermi del figlio incestuoso del trans più figo si sia mai visto.

3 commenti:

Tom Violence ha detto...

Hai anche avuto modo di fare l'inventario delle apparecchiature Bue/piccola Orchestra, nonchè degli affetti personali.

Comunque m'hai messo voglia di tornare a rivedermi le puntate di nip/tuk.

JMox ha detto...

riderissimo !
anche se adesso mi toccherà tenerti d'occhio quando c'è anche la mia roba sulla tua macchina

Anonimo ha detto...

ahaha...io al massimo lascio i fari accesi che è forse peggio..
magari tu hai spiazzato i ladruncoli che avevano preso di mira casa tua quella sera! :)