martedì 2 febbraio 2010

Avatar

C'è un pianeta figo tutto colorato dai migliori effetti speciali di madre natura, coi fiori luminosi e le montagne che volano e la musica dalle fronte degli alberi (veramente, ti attacchi tipo i-pod) e un popolo di gente alta e blu (praticamente dei puffi giganti ma magri) che vive in stretto con la natura blablabla. Ah, casualmente questo pianeta fantastico reca seco un minerale che fa venire nelle braghe tutti i capitalisti terrestri.
Poi c'è un tipo storpio ma con i denti curati che muore suo fratello e allora prendono lui, a tenere l'avatar di un puffo gigante ma magro. Entra in una bara ma è dentro a un corpo grande, perdipiù con le gambe.
Tutte le trame cominciano col protagonista che la fa fuori dal vaso. Questo la fa grossa e si ritrova nella merda immerso. Lo salva la figlia del re e della sciamana (tipo famiglia Mastella gran concentrazione di cariche in quella famiglia). In realtà lo voleva uccidere ma poi lo sperma volante dell'albero importante si posano su di lui ed è salvo. Allora visto che l'hai portato, dicono i parents, adesso ciucciatelo tu (questa battuta si rivelerà importante molto oltre la metafora) e insegnagli ad essere un puffo gigante ma magro come noi, fagli cavalcare i cavalli brutti con sei gambe e alla fine anche gli uccelloni che riconosci quello che ti sarà fedele perchè prima proverà ad ucciderti.
Nel frattempo i cattivoni guidati dal supercattivone sfregiato che chiameremo non a caso Gargamella, con una gabbia toracica che sua madre usava al supermercato al posto del carrello. E' questo che l'ha incattivito. Insomma questo vuole buttar giù tutto a forza de ratatatà. Solo che, notizia importante, ovviamente il megagiacimento del minerale con le tettone sta proprio sotto l'albero sacro. Come se ci fosse petrolio sotto San Pietro.
In pratica, ma questo si sapeva già, il tipo senza gambe comincia a prender gusto ad avere le gambe, essere un guerriero cazzuto e farsi la topolona di Puffolandia e non vuole più tornare uomo ma restare puffo gigante. Come dargli torto. Si prende male e per una battuta che gli fa Gargamella e monta un casino che Rambo in confronto è una festa delle medie. Io quello aspettavo.

8 commenti:

solero ha detto...

certo la scena in cui il nostro uomo si presta per la gang bang degli alberi importanti..

m r il cacciatore di dahu ha detto...

e io che l'abbiamo visto in 2D quindi solo la storia poteva appassionarci... ma non fu così.

smellymilk ha detto...

non sono un appassionato di cinema quindi non lo vedrò...ma a proposito di trame...mi hanno fatto notare questo: http://www.cineblog.it/post/20362/avatar-e-davvero-cosi-simile-a-pocahontas-della-disney

Anonimo ha detto...

ahahahah fortissimo!
Io l'ho visto, e devo dire che mi è piaciuto, però sotto il tuo punto di vista fa certo tutt'un altro effetto, però verissimo! :D

Greta

PS. ah, e grazie per il pogo favoloso alla Flog, spero tu ti sia divertito...sei fuori come un balcone hihih è stato bellissimo!!!

Federico ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Federico ha detto...

Grande riassunto Felix!
Comunque anche questa non è male:

Ho visto Avatar. Riassunto: per farsi perdonare da una donna, basta tornare da lei con un uccello più grosso. (Manrico Corazzi)

oscar ferrari ha detto...

non era male il film, fino a quando non si sono messi a sparare. Ma almeno ci hanno risparmiato l'inseguimento...

Anonimo ha detto...

Un vecchietto entra in un tabacchino e compra il giornale. nel piccolo riquadro in fondo a destra legge: " AVATAR IN 3D - Grande rivoluzione". Si gira stupefatto verso il commesso e gli fa: " Avatar en 3D????? Mi ghe meto mezora en machina"! [via Bondolone in facebook]